Traffico di rifiuti tossici per conto dei Casalesi. 20 ANNI a Cipriano Chianese

Scritto da il 16 luglio 2017

Print Friendly, PDF & Email

E’ arrivata ieri, dopo ben 178 udienze e circa sei anni di processo, la condanna a 20 anni di carcere per disastro ambientale e traffico illecito di rifiuti per l’avvocato Cipriano Chianese, considerato il re del business dei rifiuti per conto del clan dei Casalesi. Un processo che ha fatto  emergere l’enorme volume d’affari che negli anni ’90 ha legato business dei rifiuti e malavita organizzata. Per la bonifica della Resit, sotto sequestro dal 2004, era stata indetta una gara d’appalto bloccata poi dall’autorità anticorruzione di Raffaele Cantone per presunti legami tra la ditta vincitrice e alcuni imputati nel processo romano denominato “mafia capitale”. Per Chianese è stata chiesta anche l’interdizione dai pubblici uffici per tutta la durata della pena. Inoltre è stato condannato a pagare le spese processuali e risarcimento del danno.  Al Chianese non è stata riconosciuta l’associazione a delinquere per aver favorito la camorra. Per il comune di Parete è stato previsto un risarcimento economico.

Enzo Santoro
Enzo Santoro, giornalista, direttore responsabile www.vivicampania.it,
presidente Ass. Culturale VIVI CASAGIOVE, webmaster & webdesigner. “Volevo fare il giornalista sportivo, ed è così che ho iniziato. Raccontavo le vittorie delle squadre di calcio dei Pulcini della mia città. E adesso eccomi qui, pronto e carico per questa nuova avventura”.
© Copyright 2017 Enzo Santoro, Tutti i diritti riservati. Scritto per: Vivi Casagiove
Enzo Santoro

Info Enzo Santoro

Enzo Santoro, giornalista, direttore responsabile www.vivicampania.it, presidente Ass. Culturale VIVI CASAGIOVE, webmaster & webdesigner. "Volevo fare il giornalista sportivo, ed è così che ho iniziato. Raccontavo le vittorie delle squadre di calcio dei Pulcini della mia città. E adesso eccomi qui, pronto e carico per questa nuova avventura".
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.