Terremoto a Ischia: danni e crolli. Casagiovesi salvi a pochi metri dal crollo. Una donna morta a Casamicciola, 10 dispersi e 25 feriti

Scritto da il 22 agosto 2017

Print Friendly, PDF & Email

AGGIORNAMENTO DELLE 00.15. La comitiva di Casagiovesi presenti ad Ischia comunica di non essere rimasta ferita dal crollo avvenuto a pochi metri dalla loro casa.

Scossa di terremoto di magnitudo 3,6 nell’isola d’Ischia: la gente si è riversata in strada mentre un black out elettrico ha colpito diverse aree. A Casamicciola la situazione più critica con una donna anziana, Lina Cutaneo, che è morta dopo essere stata colpita da calcinacci caduti dalla chiesa di Santa Maria del Suffragio: si tratta della prima vittima accertata. Lo riferiscono le forze dell’ordine. I soccorritori a Ischia cercano di recuperare 10 persone disperse mentre i feriti, alcuni in condizioni molto gravi, sono 25 feriti.

Dalle prime notizie una comitiva di vacanzieri casagiovesi è irrintracciabile.

A Casamicciola, in piazza Maio, secondi alcuni testimoni, una palazzina abitata è crollata. La chiesa del Purgatorio è andata distrutta, numerosi alberghi sono isolati. Ci sarebbero diversi feriti e alcuni dispersi. Stanno operando carabinieri, polizia e vigili del Fuoco, oltre che unità di soccorso medico.

Secondo l’Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) si è trattato di una scossa avvenuta alle ore 20.57 con magnitudo 3.6, profondità 10 km ed epicentro in mare, a mille metri circa dal Faro di Punta Imperatore, sulla costa occidentale dell’isola: i comuni più vicini sono Forio, Serrara Fontana, Lacco Ameno, Barano d’Ischia e Casamicciola Terme.

© Copyright 2017 Redazione, Tutti i diritti riservati. Scritto per: Vivi Casagiove
Redazione

Info Redazione

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.