Sequestrato deposito abusivo per lo stoccaggio di cisterne e fusti di olio

Scritto da il 4 maggio 2018

Print Friendly, PDF & Email

La Compagnia di Mondragone, nell’ambito dei controlli finalizzati al contrasto delle frodi nel settore delle accise e delle imposte sui consumi, ha individuato in Castel Volturno (CE) un deposito industriale dove venivano stoccati ingenti volumi di oli minerali lubrificanti che venivano nello stesso luogo confezionati per la successiva immissione sul mercato al dettaglio, in totale evasione d‘imposte e  senza le previste autorizzazioni fiscali dell’Agenzia delle Dogane e di quelle amministrative in materia di sicurezza antincendio.

L’attività industriale è risultata riconducibile ad una società con sede dichiarata in Milano, ma con base operativa in Castel Volturno (CE), che provvedeva ad acquistare il prodotto direttamente da operatori comunitari del settore, facendolo però scaricare direttamente presso il deposito abusivo per la successiva immediata lavorazione ed immissione nel mercato “nero”.

Il prodotto trasportato in fusti ed in cisternette in plastica della capacita di 1.000 litri ciascuna, veniva infatti successivamente travasato, attraverso l’applicazione di appositi rubinetti direttamente ai contenitori, in singole confezioni da uno e due litri, sulle quali veniva applicata un’etichettatura con denominazioni generiche del prodotto.

Una volta così confezionato, l’olio lubrificante veniva immesso sul mercato per la vendita ad un prezzo concorrenziale, non avendo la società assolto all’imposta di consumo, che per tale tipologia di prodotto va assolta all’atto del ricevimento della merce da parte del soggetto nazionale.

Nel corso del controllo, dall’esame della documentazione rinvenuta veniva altresì accertato che la società dall’inizio del 2018 aveva acquistato in totale evasione di imposta circa 230 tonnellate di prodotto, per un valore di mercato pari a circa 1.000.000 euro, con una conseguente evasione all’imposta di consumo ed Iva pari a circa 250.000 euro.

All’esito del controllo, venivano sottoposto al sequestro, oltre al capannone di 500 mq, circa 90.000 litri di Oli Lubrificanti contenuti in cubi di polietilene con gabbie, oltre 50.000 contenitori già confezionati di 1, 2, 5 e 20 litri, 243 rotoli di etichette adesive, due muletti ed attrezzatura varia per il confezionamento e la lavorazione del prodotto.

Il rappresentante legale della società, V.G. di Napoli, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per i reati di sottrazione al pagamento dell’imposta di consumo e per la mancata denuncia alle Autorità della lavorazione di materiali esplodenti.

Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di ricostruire la filiera di approvvigionamento e di distribuzione e vendita del prodotto.

Continua dunque incessante l’attività di controllo economico del territorio da parte del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta per contrastare il sempre più diffuso fenomeno del commercio di prodotti petroliferi di contrabbando e/o in evasione d’imposta.

© Copyright 2018 Redazione, Tutti i diritti riservati. Scritto per: Vivi Casagiove
Redazione

Info Redazione

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.