Sconfitta, ma salva. La VolAlto fa festa

Scritto da il 15 aprile 2017

Print Friendly

E’ fatta. La VolAlto è salva. La formazione rosanera, pur sconfitta contro la Lardini Filottrano, brinda alla permanenza in A2. Complice, infatti il ko di Mondovì sul campo di Brescia, le rosanero conservano il vantaggio minimo indispensabile per evitare i play out retrocessione.
Finale con il fiato sospeso. Caserta, ha, infatti, ceduto in tre set alla capolista, mentre a Brescia le piemontesi sono state capaci di recuperare due set a Brescia e nel quinto sono state più volte avanti prima di cedere a tredici. Fiato sospeso, quindi, sino al termine. Poi, però, la vittoria della Millennium ha scacciato tutti i fantasmi.
Festa, festa meritata per un gruppo che ha saputo compattarsi, un gruppo che ha lottato con ogni mezzo per difendere la serie A. Missione compiuta. Caserta è ancora nel gotha del volley nazionale.
Bosio sfrutta subito tutta la rete, Vanzurova e Mazzaro mettono la firma sul primo break (2-4). Mio Bertolo punisce la ricezione lunga filottranese (4-4), la Lardini riallunga con Cogliandro (4-7), poi con i muri di Bosio e della stessa centrale (6-11). L’attacco di Caserta si appoggia molto su Pascucci e Mio Bertolo (9-12), dall’altra parte Mazzaro e Scuka spingono lontana una Lardini (9-15) che scatena Vanzurova in attacco e al servizio (12-19). Bonafede cambia tutto: dentro Avenia (per l’ex Agrifoglio), Aquino e Barone, ma Filottrano controlla bene, sfruttando il 7/8 complessivo delle centrali e un attacco al 48%. Scuka (14-23) e Mazzaro (14-25) guidano la Lardini verso l’1-0, ma la squadra rosanero deve fare i conti con il veemente avvio della Volalto: il muro e Crittenden spingono le padrone di casa sul 4-0 e poi sul 6-1, Bellano ci vuol parlare su e quella che torna in campo è una Lardini che riprende a tessere la tela, a toccare a muro, a sfruttare i colpi in attacco di Vanzurova e Scuka (7-4). Capitan Negrini e Cogliandro riducono ancora il gap (8-7), ma Caserta coglie l’attimo con Pascucci e scappa di nuovo approfittando di due errori filottranesi (12-7). Lardini è sinonimo di sartoria di qualità e la Lardini con pazienza si rimette a ricucire lo strappo: la fast di Cogliandro avvicina l’obiettivo (14-12), Scuka pizzica l’incrocio delle righe e Mazzaro impatta a quota 16. Sul nuovo break della Volalto (muro di Strobbe, 18-16), è Vanzurova a pareggiare il conto (18-18), Scuka mette la freccia (18-19), Cogliandro tira giù il pallone del 20-22. Caserta chiama tempo e al rientro Pascucci e Crittenden firmano il sorpasso (23-22), ma Bosio alza il muro e confeziona il ribaltone (23-24). Pascucci annulla il set-point (24-24), Scuka (6 punti nel set) procura la seconda palla-set e dopo una gran difesa di Feliziani trasforma nel 2-0. La Lardini non ha più argini: la Volalto limita lo show iniziale di Vanzzurova, poi Cogliandro inventa il punto del 7-10 e Scuka firma in carta copiativa due parallele da urlo (8-13). Negrini e Vanzurova aumentano il vantaggio (10-19), la Lardini sente odore di A1 confortata dagli ace di Mazzaro e Vanzurova (12-23). La storia è lì pronta per essere scritta e tocca a capitan Negrini mettere nero su bianco. E’ delirio, è apoteosi. La Lardini Filottrano è in A1 e non è più un sogno.

VOLALTO CASERTA – LARDINI FILOTTRANO 0-3
VOLALTO CASERTA: Agrifoglio, Crittenden 9, Strobbe 6, Mio Bertolo 7, Pascucci 9, Astarita 3, Cecchetto (L); Boriassi 1, Avenia, Aquino, Barone, Bartesaghi. All. Bonafede – Russo.
LARDINI FILOTTRANO: Bosio 3, Vanzurova 15, Mazzaro 6, Cogliandro 12, Negrini 4, Scuka 12, Feliziani (L); N.e.: Tosi, Marangon, Galazzo, Rita, Cappelli. All. Bellano – Quintini.
ARBITRI: Stancati (Cs) e Morgillo (Na).
PARZIALI: 14-25 (20’), 24-26 (28’), 13-25 (21’).
DURATA: 69’.
NOTE: Caserta: battute sbagliate 9, battute vincenti 1, muri 7, attacco 31%, ricezione positiva 45%. Lardini: b.s. 4, b.v. 3, mu. 4, att. 43%, ric. pos. 61%.

Enzo Santoro
Enzo Santoro, giornalista, direttore responsabile www.vivicampania.it,
presidente Ass. Culturale VIVI CASAGIOVE, webmaster & webdesigner. “Volevo fare il giornalista sportivo, ed è così che ho iniziato. Raccontavo le vittorie delle squadre di calcio dei Pulcini della mia città. E adesso eccomi qui, pronto e carico per questa nuova avventura”.
© Copyright 2017 Enzo Santoro, Tutti i diritti riservati. Scritto per: Vivi Casagiove
Enzo Santoro

Info Enzo Santoro

Enzo Santoro, giornalista, direttore responsabile www.vivicampania.it, presidente Ass. Culturale VIVI CASAGIOVE, webmaster & webdesigner. "Volevo fare il giornalista sportivo, ed è così che ho iniziato. Raccontavo le vittorie delle squadre di calcio dei Pulcini della mia città. E adesso eccomi qui, pronto e carico per questa nuova avventura".
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.