Caserta, Traettino: Il nostro territorio conserva un patrimonio di competenza e cultura imprenditoriale

Scritto da il 12 ottobre 2017

Print Friendly, PDF & Email

Il nostro territorio è ancora attrattivo e conserva un patrimonio di competenze e di cultura imprenditoriale di grande livello. Molte nostre imprese hanno mostrato una grande resilienza, resistendo alla crisi e riuscendo ad adattarsi alle nuove sfide dei mercati globali. Tante realtà produttive della provincia di Caserta sono oggi delle vere eccellenze e riescono ad imporsi in Italia e nel mondo”. Queste le parole del presidente di Confindustria Caserta, Luigi Traettino, nel corso del suo saluto di apertura dell’Assemblea Pubblica Confindustria Caserta 2017 “Il Territorio CE – Storie su di Noi”: una giornata dedicata alla valorizzazione di strategie economiche e di modelli industriali appartenenti al territorio con l’obiettivo di incrementare la creazione di valore a livello locale, per poi passare a quello nazionale e internazionale. Ad introdurre i lavori dell’Assemblea, svoltasi presso la Cappella Palatina della Reggia di Caserta i saluti di Carlo Marino, Sindaco di Caserta e di Tommaso De Simone, Presidente C.C.I.A.A. Caserta. Quindi l’intervento del Presidente Traettino, per presentare alle aziende associate la sua relazione, nel corso del quale ha sottolineato la centralità degli imprenditori nei processi di sviluppo del territorio. “Noi imprenditori dobbiamo prendere coscienza con molta chiarezza del ruolo che siamo chiamati ad interpretare, quello cioè di depositari di valori e generatori di ricchezza. Con il nostro lavoro partecipiamo attivamente al rilancio dell’intero territorio. La politica, a tutti i livelli, deve formare una rete con il nostro sistema produttivo, agevolando il compito a chi intende investire e senza creare problemi di ordine burocratico e procedurale”. Altro punto fondamentale dell’intervento del Presidente ha riguardato la necessità di puntare sui giovani come motore del cambiamento: “Siamo la seconda provincia più giovane d’Italia e questo non può che essere un valore, un potenziale da utilizzare al meglio. Abbiamo tante eccellenze in numerosi settori – ha continuato – che ci consentono di immaginare una nuova e positiva narrazione della provincia di Caserta. Vogliamo che si parli di “Modello Caserta” – ha concluso il presidente di Confindustria Caserta – riferendosi ad un modello produttivo, ad un modo virtuoso di fare impresa e di creare sviluppo in una terra difficile ma meravigliosa e ricca di opportunità”. Quindi la giornalista Barbara Carfagna ha introdotto il collegamento con Claudio De Vincenti, Ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, focalizzato sulle azioni di Governo al Sud. I lavori sono poi proseguiti con la prima sessione di confronto “Il Territorio CE”, dedicata ai casi imprenditoriali internazionali che hanno deciso di investire nella provincia di Caserta. Sono intervenuti Andrea Benetton, Presidente Cirio Agricola, Aldo Fumagalli Romario, Presidente e Amministratore Delegato SOL Group e Patrizio Podini, Presidente e Fondatore MD Spa. La sessione è terminata con la video intervista da parte del Presidente Traettino a Umesh Chowdhary, Presidente Titagarh Firema Spa. Nella parte centrale dell’Assemblea sono poi intervenute due rilevanti figure del panorama istituzionale italiano e internazionale: Nunzio Galantino, Segretario Generale Conferenza Episcopale Italiana e Gianni Letta, già Sottosegretario al Consiglio dei Ministri e Presidente Fondazione ItaliaCamp. L’Assemblea è proseguita con la seconda sessione di confronto “Il Territorio CE”, dedicata alle realtà imprenditoriali territoriali che si sono affermate a livello internazionale, alla quale hanno preso parte: Nicola Giorgio Pino, Presidente Gruppo Proma, Marco Zigon, Presidente Gruppo Getra e Attilio Pallante, Responsabile Commerciale Pastificio Antonio Pallante. L’Assemblea si è conclusa con gli interventi di Vincenzo De Luca, Presidente Regione Campania e Vincenzo Boccia, Presidente Confindustria. “La questione industriale è la grande questione nazionale in particolare nel mezzogiorno del paese e in una provincia come Caserta, che ha una grande vocazione industriale – ha sottolineato il Presidente Boccia – Dobbiamo ripartire dall’industria perché i dati ci dicono che quando interveniamo sulla competitività delle imprese abbiamo effetti benefici sull’economia reale e sul tessuto sociale. Il presidente Traettino a Caserta sta portando avanti un importante lavoro in questa direzione.

 

© Copyright 2017 Redazione, Tutti i diritti riservati. Scritto per: Vivi Casagiove
Redazione

Info Redazione

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.